Zafira Life e Astra: due ghiotte novità targate Opel

Le monovolume belle, flessibili ed efficienti si chiamano Zafira. Quanto iniziato con la prima generazione nel 1999, trova, precisamente 20 anni dopo, la sua degna...

Leggi tutto

Uno studio dimostra: l’idrogeno non è meglio della batteria

Uno studio dimostra: l’idrogeno non è meglio della batteria
UPSA

Una domanda che sta molto cuore agli automobilisti e ai costruttori: quale tecnologia sarà più sostenibile in futuro a fronte di una minore emissione di CO2: cella a combustibile o batteria? Per conto di H2 Mobility Germany, il Fraunhofer Institute for Solar Energy Systems ISE ha analizzato le emissioni di gas serra di diversi modelli di veicoli durante la produzione, il funzionamento e lo smaltimento. In termini concreti, sono state testate auto a batteria e a celle a combustibile con un’autonomia minima di 300 km per i periodi 2020-2030 e 2030-2040, considerando diversi scenari rispettivamente per la produzione di elettricità e di idrogeno. L’elettricità per le auto a batteria proviene nel migliore dei casi da impianti fotovoltaici, nel peggiore dal mix elettrico tedesco. La produzione di idrogeno, ad esempio, deriva dalla generazione tramite elettrolisi con energia eolica (best case) e dal reforming del gas naturale con vapore (worst case). Inoltre, entrambe le tecnologie sono state confrontate con un’auto diesel.

Risultato: secondo il Fraunhofer ISE, su 150'000 km di percorrenza, anche nel peggiore dei casi, le emissioni di gas serra delle auto a celle a combustibile sono comunque inferiori a quelle dei veicoli a batteria (90 kWh) di pari categoria, alimentate con il mix elettrico tedesco, mentre le vetture diesel presentano emissioni maggiori.

Ma non è tutto: «lo studio evidenzia inoltre che i veicoli a batteria e quelli a celle a combustibile sono perfettamente complementari. Sulle lunghe distanze hanno un minor impatto ambientale le auto a celle a combustibile, mentre sulle brevi distanze sono più ecologiche quelle a batteria», spiega il dr. Christopher Hebling, responsabile del settore Tecnologie a idrogeno presso il Fraunhofer ISE. Nel periodo 2020–2030, ad esempio, le automobili a celle a combustibile avranno un’impronta di gas serra migliore rispetto ai veicoli elettrici con batterie superiori a 45 kWh.

Il bilancio: le auto con celle a combustibile, secondo lo studio, sono più ecocompatibili rispetto ai veicoli elettrici di pari autonomia. Tuttavia, le auto elettriche con batterie molto piccole hanno un impatto minore dei veicoli a idrogeno. La linea di demarcazione secondo i ricercatori si assesta a 50 kWh. Su una percorrenza superiore a 150 000 km, entrambe queste tecnologie alternative, celle a combustibile e batterie, sono più ecologiche del diesel.

 

Fonte: UPSA

CSS Valid | XHTML Valid | Copyright © autoestrada 2018 All rights reserved. - Note legali - Created 2012 aa-arts - Restyling 2013 laio Design - Restyling 2016 Laio Design - UPDATE 2018 AMWeb