Honda e, la City Car elettrica di ultima generazione

L’industria automotive sta cambiando più velocemente che in qualsiasi altro momento della sua storia, con una convergenza di tendenze e sviluppi tecnologici che ne...

Leggi tutto

Rétromobile 2020: Citroën festeggia i 50 anni di GS

Rétromobile 2020: Citroën festeggia i 50 anni di GS

Per l’edizione 2020 del Salone Rétromobile (Parigi Expo Porte de Versailles) in programma da mercoledì 5 a domenica 9 febbraio (serata stampa martedì 4 febbraio dalle ore 19), Citroën invita i visitatori a scoprire il suo stand (Padiglione 1). Dopo un’edizione storica per il Centenario della Marca nel 2019, Citroën celebra già un nuovo anniversario con uno stand all’insegna del suo spirito d’avventura.

 

CITROËN GS, UNA FAMA INTERNAZIONALE MERITATA

 

Dopo il lancio della SM, viene presentata GS, protagonista del salone di Parigi del 1970, poi eletta “Auto dell’anno” nel 1971. I circa 2,5 milioni di esemplari venduti dal 1970 al 1987 (inclusa GSA) sono la dimostrazione del successo e della brillante carriera commerciale di questo modello.

Le ragioni di questo successo: posizionata nel cuore della gamma Citroën (4,12 m di lunghezza, 1,60 m di larghezza, 1,34 m di altezza, 900 kg di peso a vuoto), 5 posti, innovativa rispetto alle esigenze della sua epoca. La sintesi realizzata dai progettisti per questa vettura, costruita nella fabbrica di Rennes-la-Janais, in Bretagna, è ideale. La GS ha uno stile moderno e aerodinamico, un’inedita meccanica con 4 cilindri orizzontali contrapposti e uno spazio a bordo dalla grande abitabilità. A coronare il tutto, è dotata di sospensione idraulica, che le conferisce un comfort e un comportamento su strada che i concorrenti non sono in grado di proporre. Altre caratteristiche la rendono un modello all’avanguardia per l’epoca: i 4 freni a disco e il volume del bagagliaio di 465 litri (710 per la versione Break).

GS offre inoltre soluzioni originali: il freno a mano comandato da una leva posizionata al centro della plancia o il tachimetro a lettura numerica, agevolata da una lente. La sua lunga carriera ha visto diverse evoluzioni della carrozzeria (Break, restyling principale per diventare GSA) o della meccanica (cilindrata, cambio a 5 rapporti, trasmissione C-Matic) e anche una versione limitata con motore rotativo ‘Birotor’, costruita in 847 esemplari dal 1973 al 1975.

GSA succede a GS nel 1979. L’auto adotta voluminosi paraurti in materiale plastico e un pratico portellone posteriore. È anche equipaggiata di presa diagnostica nel vano motore, che permette diverse regolazioni e controlli.

Come diceva la stampa dell’epoca: «Con GS, Citroën ha fatto centro». Senza dimenticare la formula di grande impatto dello slogan pubblicitario del 1979 firmato Jacques Séguéla: L’ANTI TAPECUL.

Con la sua linea e il suo design innovativo, insieme a eccellenti qualità su strada, GS riscuote grande successo tra i collezionisti. Quest’anno, per i suoi 50 anni, saranno molti i fedeli sostenitori che la festeggeranno.

 

CITROËN GS by TRISTAN AUER per LES BAINS

 

Per i 50 Anni di GS, la Marca presenta Citroën GS by Tristan Auer per Les Bains. Citroën ha affidato una GS all’interior designer Tristan Auer, che l’ha personalizzata per esporla a Rétromobile, prima di portarla alla sua destinazione dei prossimi tre anni: l’emblema delle notti parigine dal 1978, all’epoca di GS!.

Arnaud Belloni, Direttore Marketing e Comunicazione Citroën: «I 50 anni di GS sono l’occasione per Citroën di celebrare lo spirito degli anni ‘70 e ‘80, con l’eleganza di oggi. Abbiamo già avuto modo di apprezzare il talento di Tristan Auer nel reinterpretare i classici della Marca, nella sua attività di ‘cartailoring’. Per GS ha avuto carta bianca con l’idea di non limitarsi a realizzare un’auto solo da esposizione. Dopo Rétromobile, questa GS raggiungerà Les Bains, mitico club delle notti parigine! Un viaggio nel tempoche certamente conquisterà la clientela di allora edi oggi, insieme a tutti i fan della Marca!».

Con questa trasformazione, Tristan Auer intende valorizzare la persona, il comfort e il design, valori da sempre cari a Citroën. Appassionato di restauro su misura di auto d’epoca, ha ripensato e sublimato questo veicolo che sarà messo a disposizione degli ospiti della struttura situata vicino al Centre Pompidou.

Tristan Auer: «L’opportunità di lavorare su questa Citroën GS, auto molto apprezzata e ben costruita, è stato un onore e un vero regalo perme, emihapermessodiriscoprirla.»

Les Bains, è un indirizzo che il designer conosce bene! Nel 2015 ha siglato la ristrutturazione del Club e dell’annesso salone cinese, creando 40 camere, all’epoca della trasformazione della struttura in hotel a “cinque stelle”, sotto la direzione di Jean-Pierre Marois.

Jean-Pierre Marois, proprietario della struttura «Poter avere questo gioiello con i colori della maison ai piedi della scalinata de Les Bains è una gioia, che contribuisce al viaggio nel tempo e nello spazio che offriamo ai nostri ospiti. I modelli cult della marca Citroën colpiscono l’immaginario, un universo francese nel quale proiettarsi e fantasticare, esattamente come per Les Bains, icona assoluta della vita parigina.»

Per questa trasformazione la scelta di Citroën si è orientata su un modello GS 1015 Confort del 1972.

Denis Huille, Citroën Heritage: «Il restauro e il coordinamento della trasformazione sono stati guidati dal team Citroën Heritage, con una revisione meccanica completa presso il Conservatoire Citroën. Sotto la direzione artistica di Tristan Auer, si è arrivati a un rifacimento completo, esterno e interno, condotto insieme ad artigiani specializzati: sedili, plancia di bordo, padiglione del tetto, ripiano del lunotto posteriore, moquette, rivestimenti delle portiere, bagagliaio, senza dimenticare la verniciatura.»

Dopo l’esposizione a Rétromobile, Citroën GS pour Les Bains by Tristan Auer dimorerà per 3 anni a questo indirizzo prestigioso: 7 rue du Bourg L’Abbé, Paris 3ème.

 

LA PRIMA TRAVERSATA DEL SAHARA IN AUTOMOBILE

 

La prima traversata del Sahara in auto si è svolta dal 19 dicembre 1922 al 7 gennaio 1923, con 5 autocingolati Citroën: Scarabée d’Or, Croissant d’Argent, Tortue Volante, Bœuf Apis e Chenille Rampante (questi due ultimi dedicati al trasporto del materiale necessario alla spedizione). Sotto il doppio comando di Georges-Marie Haardt, capo spedizione, e di Louis Audouin-Dubreuil, il suo secondo, hanno percorso all’andata oltre 3200 km nel deserto. Il ritorno non era stato previsto inizialmente, ma per il grande successo dell’operazione e l’affidabilità dei veicoli, l’equipaggio ha proposto di compiere anche il viaggio di rientro con gli stessi mezzi, replicando l’impresa. Oltre allo straordinario successo tecnico, dimostrato nel 1922 con gli autocingolati costruiti sulla base di Citroën B2 10 HP modello K1, questa spedizione ha il merito di aver aperto la via alle celebri Crociere Citroën (Nera, Gialla, ecc.) ma anche a vie inesplorate e riprese in seguito dalle mappe militari di tutte le nazioni. L’impresa è stata narrata al cinema e nei libri, dimostrazione di competenza e di spirito di avventura che Citroën incarna da sempre. Senza dimenticare un piccolo aneddoto nella grande storia: l’equipaggio era accompagnato da Flossie, un cane che ha ispirato Milou a Hergé.

Per preparare la traversata del Sahara, da Touggourt (Algeria) a Timbuctu (Mali), André Citroën ha creato nel gennaio 1921 uno specifico dipartimento. La missione è stata realizzata a bordo di veicoli con cingoli Kégresse. André Citroën sapeva quale fosse la chiave del successo: il meccanismo a cingoli morbidi inventato da Adolphe Kégresse. Questa prima impresa mondiale è all’origine di tutti i raid automobilistici della storia moderna. Senza dimenticare che questo viaggio di esplorazione si è svolto sempre sotto gli occhi della stampa, con bollettini regolari pubblicati sui giornali quando le trasmissioni per radio e telegrafo arrivavano a Parigi dal deserto. A dimostrazione della competenza industriale, tecnica e commerciale di Citroën, questa epopea fu anche un’avventura umana.

Nella prefazione del libro della spedizione pubblicato nel 1923 da PLON, André Citroën, parlando di questi avventurieri dice: «(…) la più grande soddisfazione di questi uomini è poter dire che, grazie a loro, è iniziata un’opera duratura, che continuerà adare risultati, anche quandoloronon ci saranno più. Equestoè essenziale per questi uomini: i costruttori muoiono, ma il tempio è stato costruito».

 

ESPOSTA LA REPLICA DELLO SCARABÉE D’OR, RISULTATO DI UN PROGETTO DURATO 3 ANNI

 

Citroën presenta la replica dell’autocingolato Scarabée d’Or, riproduzione identica dell’originale che ha partecipato alle celebrazioni del Centenario Citroën: Born Paris XV, esposizione di 100 Citroën a cielo aperto nel mese di giugno 2019 e Il Raduno del Secolo di luglio 2019.

La presentazione di questa replica è l’occasione per rendere omaggio al lavoro del team di 160 studenti e liceali della scuola di ingegneria Arts et Métiers e del Lycée professionnel des métiers de l’automobile Château d’Épluches, 50 professori e supervisori, per un totale di 50.000 ore di lavoro e 1.500 kg di metallo, 11 siti di produzione.

Citroën è partner storico di questo progetto pedagogico, con molteplici attività: prestito del veicolo originale, sostegno economico, tecnico e logistico, copertura mediatica dell’impresa, ecc.

Questo ambizioso progetto è partito 4 anni fa da un’idea dell’associazione Des Voitures & des Hommes. Il suo presidente Olivier Masi ricorda: «All’inizio della presentazione del progetto la risposta in Citroën è stata: vi aiuteremo perché Citroën è audacia.»

 

E MOLTE ALTRE CITROËN STORICHE PER VIAGGIARE NEL TEMPO!

 

Come negli anni precedenti, i visitatori potranno parlare con i rappresentanti dei club di collezionisti presenti sullo stand e ammirare altri modelli iconici della Marca:

Sarà proposta anche una boutique di prodotti lifestyle ‘Le Petit Citroën’, in cui i visitatori potranno scoprire le novità lanciate al salone Rétromobile e una selezione di prodotti della e-boutique Citroën Lifestyle. Idee originali per farsi un regalo!

Tra le novità: modellini di Citroën GS in versione 1/43 (37€) e Citroën CX in versione 1/43 (37€) e 1/64 (5€), l’applique a muro 2CV (30€). Per i più piccoli, due giocattoli Citroën Origins dal look vintage realizzati in collaborazione con il produttore Janod: il garage (70€) e il furgoncino in legno con magnete (20€). Per piccoli e grandi golosi: il cubo con stampini Citroën Origins (8€) per cucinare biscotti dalle sagome celebri: Type A, Traction, Type H, 2CV, AMI 6 e CX!

CSS Valid | XHTML Valid | Copyright © autoestrada 2018 All rights reserved. - Note legali - Created 2012 aa-arts - Restyling 2013 laio Design - Restyling 2016 Laio Design - UPDATE 2018 AMWeb