Tutt’altro che ordinario: il nuovo Opel Mokka

Tutt’altro che ordinario: si presenta così il nuovo Opel Mokka completamente rivisitato – un’auto che desta emozioni e indica il futuro del...

Leggi tutto

Bosch trasforma i dispositivi connessi in angeli custodi personali

Bosch trasforma i dispositivi connessi in angeli custodi personali

Basta un solo attimo di disattenzione per fare un incidente in eBike o perdere il controllo della moto. Solo in Germania, ogni giorno si verificano oltre 38 incidenti gravi che coinvolgono veicoli a due ruote (fonte: Federal Statistical Office). Per questo motivo, ogni secondo è fondamentale. Ma cosa succede se la persona coinvolta nell'incidente viaggia da sola o non è più in grado di chiamare i soccorsi? In questi casi interviene la soluzione Bosch di chiamata di emergenza. Help Connect accede ai dati rilevati dai sensori nello smartphone dell'utente e in altri dispositivi connessi e utilizza un algoritmo intelligente per rilevare automaticamente gli incidenti. In caso di emergenza, l'app avvisa i servizi di pronto intervento tramite il call center dedicato di Help Connect, inviandoli immediatamente sul luogo dell'incidente. In questo modo non solo si risparmia tempo, ma si aumentano anche le probabilità di successo dell’intervento. Attualmente, sono a disposizione di ciclisti e motociclisti due app, utilizzate da diverse centinaia di migliaia di utenti: “COBI.Bike” di Bosch eBike Systems e “calimoto” per i motociclisti. "Bosch sta lavorando a pieno ritmo per integrare la sua soluzione per la chiamata d'emergenza in altri prodotti, inclusi quelli dei partner. Combiniamo l'Internet delle cose, algoritmi e Help Connect per trasformare i dispositivi connessi in salvavita personali in ogni circostanza: sulla strada, durante lo sport o a casa" ha dichiarato Volkmar Denner, CEO di Bosch. Attualmente, Bosch offre il servizio Help Connect agli utenti che dispongono di una scheda SIM tedesca in undici Paesi europei[1].

Una soluzione, tre vantaggi
Help Connect coniuga rilevamento automatico degli incidenti, funzione di chiamata di emergenza e sistema di risposta personale in caso di emergenza. In “COBI.Bike” e “calimoto”, per esempio, l'algoritmo valuta i dati dei sensori dello smartphone relativi a velocità, accelerazione e rotazione per rilevare un incidente. La maggior parte degli smartphone attualmente in commercio dispone di questi sensori. Le app devono essere attivate durante il viaggio e il dispositivo fissato al manubrio. Help Connect funziona su tutti i dispositivi Android, versione 6 o successiva, e su tutti gli smartphone iOS, versione 11 o successiva.

In caso di incidente, la soluzione utilizza la connessione dati cellulare dello smartphone per trasmettere a un call center di emergenza Help Connect attivo 24/7 la posizione corrente, la gravità dell'impatto e, a seconda dell'app, i dati sanitari eventualmente memorizzati. Gli addetti del call center provano a mettersi in contatto con la persona coinvolta nell'incidente. La comunicazione avviene in tedesco o in inglese, anche in altri Paesi europei. Se la persona non risponde e i dati dei sensori indicano un impatto grave, vengono allertati immediatamente i servizi di pronto intervento. Si può scegliere di informare anche parenti e amici. La chiamata di emergenza può essere attivata anche manualmente in qualsiasi momento.

Per i motociclisti Bosch ha anche sviluppato un sistema di rilevamento incidenti installato in modo permanente sul veicolo. Help Connect utilizza il sensore inerziale del Motorcycle Stability Control (MSC) di Bosch. Tramite Bluetooth, si connette alla relativa app e trasmette i dati al call center di emergenza Help Connect.

Più partner, più applicazioni
Per rendere la vita più sicura, Bosch punta a integrare la sua soluzione per la chiamata d'emergenza nel maggior numero di prodotti connessi possibile. "L'app Help Connect è progettata come un ecosistema IoT aperto per permettere a diversi prodotti che dispongono della tecnologia dei sensori necessaria di diventare veri e propri angeli custodi personali", ha sottolineato Denner. Per esempio, la startup Tocsen sta integrando Help Connect nel suo sistema di sensori installato nel casco per rilevare gli incidenti. Bosch sta inoltre preparando i suoi servizi e prodotti di domotica per collegarli ad Help Connect. Oltre ai sistemi antincendio e antifurto, sarà inclusa anche la protezione dell’impianto idrico in casa.

Ulteriori informazioni sul sito www.bosch-helpconnect.com

[1] Oltre che in Germania, il servizio è disponibile in Austria, Belgio, Francia, Italia, Irlanda, Lussemburgo, Paesi Bassi, Spagna, Svizzera e Regno Unito.

 

CSS Valid | XHTML Valid | Copyright © autoestrada 2018 All rights reserved. - Note legali - Created 2012 aa-arts - Restyling 2013 laio Design - Restyling 2016 Laio Design - UPDATE 2018 AMWeb