Honda HR-V, una nuova generazione di SUV compatti con tante migliorie

ll nuovo Honda HRV è il SUV compatto della Casa giapponese ad oggi più sofisticato. Design esterno più sportivo, interni con materiali notevolmente migliorati e...

Leggi tutto

Lexus LS, un salotto su quattro ruote completo di tutto

  • 01
  • 02
  • 03
  • 04
  • 05
  • 06
/ 06

La Lexus LS originale nasceva dal lavoro svolto in oltre sei anni da 1.400 ingegneri, coinvolti nello sviluppo di una Luxury Car capace di sfidare i mostri sacri del settore. Questo progetto, denominato “Project F1”, avrebbe poi portato al lancio della LS 400 nel 1989 e alla consacrazione del marchio Lexus sul mercato delle auto di lusso.

Oggi, a quasi 30 anni dal lancio di questo modello rivoluzionario, la LS di quinta generazione si impone come un nuovo capitolo di questa storia grandiosa, sfoggiando affinamenti incredibili in termini di design, tecnologia, performance ed ampliando ulteriormente gli orizzonti del mercato delle auto di lusso.

Lexus ha quindi rivoluzionato i principi stilistici della gamma LS, allontanandosi dal tradizionale concetto di ‘tre volumi’ appannaggio di un design più radicale, e prediligendo invece forme simili a quelle di una coupé: linee più filanti, e quindi più adatte ai clienti di oggi, sono state ottenute senza sacrificare in alcun modo l’ampissimo spazio (anche dietro) e il comfort a bordo. 

Tra l’altro questa è la prima berlina Lexus dotata di sei cristalli laterali integrati in maniera elegante ed omogenea nei montanti.

La linea di cintura enfatizza il baricentro ribassato sottolineando lo sviluppo delle forme orizzontali. Le linee dei parafanghi si spingono verso l’esterno offrendo una sensazione di dinamismo e sottolineando la performance della vettura. L’aspetto ben piantato sull’asfalto non è un’illusione: la piattaforma GA-L ha consentito una riduzione dell’altezza pari a 15 millimetri, mentre il cofano e il vano di carico sono stati ulteriormente abbassati, rispettivamente di circa 30 e 40 millimetri.

Un disegno anteriore che si impone in maniera audace grazie soprattutto alla griglia che si spinge verso l’esterno e alla forma del cofano, più basso rispetto al modello uscente, grazie alla possibilità concessa dalla nuova piattaforma di riposizionare le torri delle sospensioni anteriori. L’area che divide il cofano dal parafango accentua il contrasto tra le diverse superfici di questi due elementi.

L’impatto del design anteriore è impreziosito dai gruppi ottici ultracompatti con triplo bi-LED (abbaglianti e anabbaglianti), inseriti in alloggiamenti incassati che si fondono con le luci di marcia diurna a LED, inserite a loro volta in una configurazione a forma di ‘L’ che avvolge l’intera silhouette della vettura. Gli indicatori di direzione sequenziali sono allineati con le luci di marcia diurna e dotati di 16 LED che si illuminano in soli 0,08 secondi.

Al posteriore, la linea di cintura si unisce ai gruppi ottici per poi ripiegarsi su sè stessa e congiungersi con il diffusore, richiamando le linee della griglia anteriore. I gruppi ottici full LED sfoggiano un disegno slanciato riconoscibile al primo sguardo.

LS è equipaggiata di serie con tetto apribile il cui movimento slitta verso l’esterno. Questo ha consentito una struttura più sottile (-30 millimetri) che lascia invariato l’ampio spazio a disposizione della testa degli occupanti.

Il design dei nuovi interni coniuga la tradizionale estetica giapponese alle più avanzate tecniche di produzione, un connubio che si rispecchia nell’illuminazione soffusa grazie a cui i braccioli sembrano quasi fluttuare accanto ai pannelli delle portiere, e nel modo in cui la lavorazione del legno ha portato alla realizzazione di schemi eleganti e ben definiti.

Scendere e salire sulla nuova LS diventa oggi più comodo che mai per i modelli equipaggiati con sospensione pneumatica grazie alla funzione Premium Access, che alza automaticamente in soli quattro secondi la vettura di 30 millimetri raggiungendo un’altezza ideale di 555 mm. Una volta che tutti gli occupanti hanno effettuato l’accesso a bordo la vettura torna all’altezza normale di marcia. Lo stesso meccanismo si attiva all’arresto, quando uno degli occupanti scende dalla vettura.

Per il conducente e il passeggero la sensazione è quella di un’auto pronta ad accogliere gli occupanti, con i supporti delle cinture di sicurezza che si avvicinano di 50 millimetri e diventano quindi pronti per l’uso. Sul lato guida il supporto si solleva affinché la cintura di sicurezza possa essere allacciata più comodamente. La sensazione di benvenuto prosegue con l’allargamento delle imbottiture dei comodissimi sedili (riscaldabili e regolabili elettricamente) per accogliere il cliente nella posizione di guida. Il sedile si alza e sposta all’indietro automaticamente per consentire al conducente di uscire comodamente dalla vettura.

L’illuminazione interna offre un’ulteriore senso di accoglienza, ispirandosi alle tradizionale lanterne Andon giapponesi. Le sorgenti luminose sono posizionate sotto ai pannelli laterali e ai braccioli, offrendo un’illuminazione rivolta verso il basso che impreziosisce il senso di spaziosità.

Lexus ha sviluppato le sedute pensando a due tipologie di cliente: i fanatici del volante e coloro che invece preferiscono farsi accompagnare. Questo ha imposto la massima considerazione di entrambe le categorie, assicurando a tutti il massimo del comfort a prescindere dalla lunghezza del viaggio. La nuova LS monta un nuovo sedile sul lato guida dotato di regolazione elettrica a 28 posizioni e di un nuovo controllo per adattare il supporto nella

zona lombare, del bacino e dei fianchi. Le possibilità di regolazione portano il comfort della nuova LS ai vertici della categoria. La struttura garantisce un sostegno laterale ottimale, consentendo a qualsiasi individuo di trovare la posizione ideale al volante.

Il touchscreen multi-funzione collocato sul bracciolo centrale serve a controllare con la massima precisione il posizionamento dei sedili posteriori e il funzionamento del sistema audio, del clima, della tendina parasole e dell’illuminazione interna. Il sedile del passeggero e il monitor dei sedili posteriori vengono a loro volta regolati in automatico per adattarsi alla configurazione selezionata.

Esistono tre posizioni predefinite per i sedili posteriori: Business, quella di default; Entertain, che reclina il sedile per godere di una visuale migliore del monitor; Relax, che allunga il cuscino per le gambe, reclina lo schienale e sposta il sedile anteriore in avanti per assicurare uno spazio maggiore per le gambe (fino a un massimo di 1.022 mm, 86 in più rispetto al modello uscente). Una volta raggiunta la destinazione, il sedile torna automaticamente

nella posizione originale all’apertura della portiera posteriore, garantendo agli occupanti la massima comodità di uscita.

L’abitacolo della nuova LS è stato progettato per offrire ai clienti un ambiente interno silenzioso e rilassante. I nuovi sistemi di smorzamento acustico rendono l’abitacolo ancora più confortevole. L’Active Noise Control rileva i suoni provenienti dal vano motore riuscendo ad eliminare determinate frequenze correggendo i suoni Antiphase attraverso gli altoparlanti.

La qualità straordinaria degli impianti audio Mark Levinson è da anni una dotazione unica per alcuni dei modelli Lexus più esclusivi. Gli impianti vengono progettati in collaborazione con gli ingegneri Lexus per adattarsi al meglio alle caratteristiche di ogni singolo modello.

La nuova LS è equipaggiata con un nuovo impianto Mark Levinson QLI Reference Surround System, il cui suono è prodotto da 23 altoparlanti ad elevata efficienza posizionati in sedici zone dell’abitacolo e che utilizzano un amplificatore a 16 canali. Le tecnologie Quantum Logic Immersion (QLI) e ClariFi assicurano un suono eccezionale, il migliore mai ascoltato a bordo di un modello Lexus.

La Lexus LS 500h porta pure con sé il debutto dell'innovativo Multi Stage Hybrid System e tra i dispositivi di sicurezza inaugura il rilevamento dei pedoni con sterzo attivo.

Un dispositivo che in caso di necessità è in grado di eseguire una sterzata automatica per evitare l'investimento di una persona. La LS, che nella nuova variante "eco", monta un motore V6 a benzina di 3,5 litri e due propulsori elettrici, per una potenza complessiva di 354 CV. Proposta sia con trazione posteriore sia con le quattro ruote motrici, la 500h nasce sulla piattaforma, come accennato, Lexus Global Architecture - Luxury (GA-L), su cui è stata sviluppata anche la coupé LC, fattore che giustifica le qualità di sportività promesse per questa vettura di rappresentanza.

Le sospensioni che sui modelli top di gamma sono di tipo "adattivo", per il massimo del comfort, oltre che per una maggiore precisione di guida. La 500h monta delle batterie agli ioni di litio più leggere delle nichel-metallo idruro adottate sulla precedente generazione della LS ibrida, la 600h. Queste sono anche di dimensioni ridotte del 20%. Si tratta del primo accumulatore realizzato da Lexus con struttura 'satellite', in cui cioè la funzione di monitoraggio del voltaggio è stata separata dalla centralina della batteria.

Tra i vari sistemi di aiuto alla guida e di sicurezza vanno certamente segnalati l’Adaptive High-beam System (AHS) a doppia fase che fornisce un’illuminazione impeccabile grazie al controllo separato di ogni singola fila di LED, assicurando un controllo dell’illuminazione superiore anche a quello offerto dal sistema Adaptive High-Beam convenzionale e consentendo una visibilità notturna senza precedenti, senza però disturbare la marcia delle altre vetture presenti in carreggiata.

Progettato per prevenire il rischio di collisioni alle intersezioni stradali, il Front Cross Traffic Alert (FCTA) adotta dei radar direzionali e rappresenta il primo sistema ad allertare il conducente sulla direzione del primo veicolo in avvicinamento. Se la vettura dovesse continuare la marcia nonostante la presenza di un altro

veicolo in prossimità dell’intersezione, l’avvertimento verrebbe ulteriormente evidenziato attraverso il suono di un cicalino e un avviso sul display multiinformazioni.

Il sistema Lane Tracing Assist allerta il guidatore nel caso il veicolo stia deviando dalla  corsia. Oltre al rilevamento della corsia gestito da una telecamera, l’identificazione della traiettoria abilita il supporto anche quando la segnaletica risulti irriconoscibile, come ad esempio in caso di traffico altamente congestionato e con una distanza minima rispetto alla vettura antecedente.

Il Road Sign Assist (RSA) riconosce invece la segnaletica verticale grazie alla telecamera montata sul parabrezza e alle mappe di navigazione, trasferendo le immagini sul display Head-up e su quello multi-informazioni per assicurare la massima sicurezza alla guida.

Il controllo assoluto della performance viene assicurato dal nuovo radar ad onde millimetriche e da una nuova telecamera anteriore. Il Dynamic Radar Cruise Control regala inoltre al cliente una marcia ancora più confortevole grazie alla straordinaria accelerazione disponibile già all’avviamento del motore: un accorgimento che offre agli occupanti una straordinaria sensazione di sicurezza, dovuta anche alla linearità della vettura in caso di decelerazioni improvvise.

Con lo scopo di ridurre le conseguenze di un impatto in fase di parcheggio (quando sono da considerare diversi fattori quali i pedoni, le vetture in movimento, le distanze tra i vari oggetti e le complicate manovre di ingresso), i sistemi di assistenza alla frenata sono stati integrati in un unico pacchetto: accanto ai già esistenti Intelligent Clearance Sonar (ICS) e Rear Cross Traffic Alert and Braking (RCTAB) viene offerto oggi il primo sistema di frenata in

presenza di pedoni, che rileva i passanti grazie ad una telecamera montata sul posteriore e che aiuta il guidatore ad evitare i possibili impatti mediante il controllo della frenata.

Le funzioni Side Clearance View e Cornering View sono state infine inserite nel sistema Panoramic View Monitor, studiato per controllare le zone periferiche della vettura: la funzione Side Clearance View proietta un’immagine dell’area antistante la vettura (come fosse visualizzata dalla parte alta del posteriore) sul display della nuova LS, consentendo al cliente di valutare al meglio gli spazi quando la carreggiata risulti eccessivamente stretta; la funzione Cornering View si attiva contestualmente alla Side Clearance View, visualizzando la vettura sul display dalla stessa angolazione del lato guida ma dalla prospettiva del posteriore, massimizzando la sicurezza in curva sulle strade più anguste e consentendo al cliente di evitare eventuali ostacoli.

La LS è equipaggiata con un nuovo sistema multimediale che assicura un controllo completo del navigatore, del clima, del telefono cellulare, delle applicazioni e dell’impianto stereo, oltre a consentire la selezione delle impostazioni base della vettura. Il display ad alta risoluzione da 12,3 pollici visualizza informazioni e grafiche in maniera rapida e dotate della massima leggibilità.

Il riconoscimento vocale dinamico offre una maggiore accuratezza nel reagire ai comandi vocali grazie all’elaborazione del linguaggio parlato sia all’interno che all’esterno della vettura. La gestione manuale avviene per mezzo TouchPad di II generazione con un nuovo touchpad più largo che consente un utilizzo paragonabile a quello di uno smartphone, supportando inoltre la scrittura a mano.

Il Multi-Stage Hybrid System di Lexus punta a esaltare le performance sportive permesse dall'adozione di un sistema full hybrid senza ricorrere a compromessi per emissioni e consumi. Perno del sistema è il nuovo cambio automatico multi-stage. A questo proposito val la pena di riferire di quanto spiegano i tecnici  Lexus: «In una vettura Full Hybrid convenzionale, la potenza del motore viene incrementata grazie all'intervento dell'unità elettrica attraverso un riduttore, ma con il nuovo Multi Stage Hybrid System la potenza del motore V8 e della batteria ibrida viene ottimizzata dal cambio a quattro rapporti, assicurando maggiore risposta e accelerazione, offrendo inoltre la possibilità di marciare in autostrada fino a 140 km/h senza utilizzare l'unità termica". Nonostante poi la trasmissione disponga di quattro marce, va sottolineato come la modalità di guida "Drive" sia gestita in modo tale da simulare il funzionamento di un cambio a 10 rapporti. I tecnici promettono, quindi, la "sensazione di un'accelerazione lineare e diretta, eliminando il fastidioso effetto 'a elastico' solitamente associato alle trasmissioni a variazione continua». La superficie del sottoscocca è stata quasi completamente coperta per ridurre la resistenza aerodinamica, con alette posizionate in maniera strategica per consentire all’aria di allontanarsi agevolmente lungo il posteriore. Ulteriori alette aerodinamiche sono state collocate subito dietro gli alloggiamenti delle ruote posteriori per minimizzare le turbolenze.

Il sistema Drive Mode Select di Lexus fornisce il controllo integrato di diversi sistemi, assicurando un grande piacere di guida e il massimo della performance. In aggiunta alla modalità NORMAL e a quella ECO della trasmissione Full Hybrid, sulla nuova LS sono disponibili quattro ulteriori modalità di guida ‘on-demand’ (Comfort, Custom, Sport e Sport+). Ciascuna modalità adatta l’apertura della valvola a farfalla in base alle esigenze di guida. Il sistema modifica inoltre le impostazioni del servosterzo elettrico, degli ammortizzatori, dello sterzo ad assistenza variabile e del climatizzatore.

CSS Valid | XHTML Valid | Copyright © autoestrada 2018 All rights reserved. - Note legali - Created 2012 aa-arts - Restyling 2013 laio Design - Restyling 2016 Laio Design - UPDATE 2018 AMWeb